In bianco e nero.

image

Non l’ho guardata bene, ma sarei pronto a giurare che aveva una sigaretta fra le dita, la portava alla bocca con movimenti precisi, tenendola fra le labbra, come qualcosa di prezioso, come quando metti qualcosa di fragile al sicuro fra due cuscini, un po’ per evitare danni irreparabili e un po’ per avere la tranquillità di aver fatto la cosa giusta. Non saprei dire con esattezza la marca, forse iniziava per M, sì, direi proprio che iniziava per M, ma sono sicuro che non fosse Marlboro, ne sono assolutamente certo, sarebbe troppo facile e troppo scontato e lei sicuramente non era una donna facile. E neanche scontata. Merit, ecco, Merit sarebbe la marca perfetta, sobria ma assolutamente seducente. Sì, potessi scommettere tutti i miei soldi, punterei su Merit.

Non l’ho guardata bene, ma la bocca era bellissima, senza niente da aggiungere nè da togliere, importante ma non sfacciata, capace di sorrisi appena accennati, altri decisi nella misura giusta per mostrare il bianco dei denti, altri ancora aperti, come a far entrare aria leggera e restituirla al mondo carica di vita.

Non l’ho guardata bene, ma gli occhi erano verdi, assolutamente verdi, come i fondali nei pressi delle scogliere, quando ti trovi a nuotare in quelle acque e ti basterebbero due bracciate per essere al sicuro sulla terra ferma, ma proprio non ci riesci, sei costretto a cedere all’impeto delle correnti e più ci provi, più prendi consapevolezza che i tuoi sforzi saranno vani. E un po’ ti arrendi, un po’ rinunci. Un po’ capisci che non hai nessuna intenzione di essere salvato. Proprio nessuna.

Gli occhi erano verdi, con un perimetro nero, definito e assoluto, come fosse una linea di confine, un passaggio di frontiera, per tenere fuori insidiosi contrabbandieri. Una circonferenza severa che protegge le esistenze di chi ci vive dentro. Le protegge e le abbraccia. Forte.

Non l’ho guardata bene, ma le ho visto i pensieri in controluce, liberi e sinceri, con fragranze di salvia e incenso, vagavano chiassosi, seguendo geometrie perfette e maledettamente affascinanti.

L’ho vista di sfuggita, in fin dei conti era solo un viso buttato sopra un tavolo con una casualità premeditata, un volto sfuocato impresso in una foto in bianco e nero. Non saprei dire se fosse bella, davvero non saprei. Non l’ho guardata bene.

C’era una musica al di là della piazza, di più davvero non posso dire. (Brandi Carlile – What Can I Say)

Annunci

37 pensieri su “In bianco e nero.

  1. Ma perché non scrivi un libro? Ora salta fuori che l’hai già scritto e io faccio una figura di m… Spero di non essermelo perso in caso. Se però ancora non l’hai fatto Cosa stai aspettando?

    • Ne ho scritti 3. Scherzoooo ahahah. Quello del libro è un sogno nel cassetto, ma mi piace restare con i piedi per terra, servono buone capacità, buone idee e…un buon editore. Seriamente, è innegabile che mi piacerebbe, ma non ho intenzione di montarmi la testa e scrivere un libro tanto per farlo, non so se mi spiego, ho troppo rispetto per il mondo della scrittura (e per me stesso) per intraprendere un progetto di cui non mi sento ancora all’altezza.
      Grazie comunque, è un bellissimo complimento.

  2. Bellissimo. Una descrizione di vedo non vedo che mi ha lasciato quella sensazione di voler sapere di più su questa donna. Ha dato il via all immaginazione. E soprattutto ottima visione di una donna.
    La immagino stupenda con questi grandi occhi verdi e con la sua sigaretta in bocca che sfoggia tutta la sua sensualità..
    Ah! Te l ho detto che è bellissimo. 😆
    A.

  3. Una foto in bianco e nero, pure sfuocata, e tu le hai visto gli occhi verdi e le labbra e la sigaretta e quel suo essere donna così sensuale nella sua semplicità … Bravo! Bello scritto 👏

  4. Non l’ho letto bene, ma credo di poter affermare con convinzione che ciò che hai scritto è meraviglioso.
    Non l’ho letto bene, ma la mente è volata immediatamente ad uno di quegli innamoramenti in metropolitana,in treno, o in un caffè, uno di quegli amori che durano solamente un attimo, e che vorresti ne durasse qualcuno in più.
    Non l’ho letto bene, ma voglio farti i miei complimenti,davvero,complimenti.
    Buona giornata 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...