Cercando un accordo in La minore.

IMG_5290.JPG

Questa è una storia cattiva, iniziata in una notte cattiva.

Una di quelle notti in cui cerchi il profilo della vita fra le cose sconosciute, e il buio serve a fantasticare, una notte in cui l’anima può gridare per risvegliare la tua coscienza dal torpore. Una di quelle notti in cui l’unica cosa giusta da fare è partire.

E ti trovi lì in mezzo fra peccatori e santi e tu non sei mica Dio, non cerchi niente, e rimani lì in bilico fra l’essere il boia o il condannato.
Una di quelle notti in cui devi scegliere se vivere e farti male o stordirti e ovattare l’inquietudine.
Perchè è sempre quello il punto: scegliere.
E ogni scelta comporta una rinuncia, è un compromesso che devi fare con la tua esistenza e alcune persone proprio non ci riescono a fare compromessi.

Scegli il vestito da mettere, le strade da percorrere, le persone da frequentare. E ti senti libero, o almeno, hai l’impressione di esserlo, che comunque non è poco.

Ma come dicevo, questa è una storia cattiva e in quella notte cattiva qualcuno scelse di vivere e farsi male, almeno quella sera e uscì da un locale alla moda, pieno di gente alla moda, con bicchieri colmi di cocktails alla moda.
Uscì con l’intenzione di vedere il mare, che poi, vedere il mare alle tre di notte in una sera di novembre non è neanche tutta questa bellezza, però era il suo modo di lucidare un sogno.
Ma quelli come noi ad alcuni sogni non possono neanche avvicinarsi, forse perchè troppo vicini al cielo o più semplicemente perchè c’è qualcuno che sceglie per noi, magari mimetizzato fra le persone comuni, magari nascosto dentro un Suv con gente che quella notte, come altre notti, ha scelto di affogare le sue paure dentro un paio di bottiglie di vodka. E all’incrocio dell’esistenza tira dritto. E investe il tuo sogno mandandolo in frantumi. E mentre sei lì a capire cose che ti sfuggono ti viene da sorridere pensando “cazzo…proprio stasera no!”.

No, io non c’ero, in quella notte cattiva ero altrove, a parlare di scemate a lucidare altri sogni, a cercare accordi in La minore, che era l’unico modo che avevo per rimanere a galla. Lo conoscevo bene il protagonista di questa storia cattiva e si, ok, non era un santo, ma come direbbe Vecchioni “se l’hai messo vicino a un assassino toglilo di lì Signore”, che in fin dei conti voleva solo vedere il mare alle tre di notte.

Non c’ero ma da quella notte ho cercato di aggrapparmi ai miei sogni più ruvidi, perchè questa è la vita che mi sono scelto, questa è la vita che mi seduce, come un’amante che mi scopa e mi addormenta e sparisce al mattino senza lasciare il numero, so che mi ingannerà, che mi leggerà la mano inventando nuove linee e nuove traiettorie, come le zingare da quattro soldi, non ne capirò il senso, non avrò il tempo di farlo, perchè il tempo è una dimensione che non riesco a gestire. Ma voglio continuare a rincorrere onde notturne e a dormire ancora un pò cercando il profumo del mare alle tre di notte.
E allora non mi resta che aspettarla con il cuore in gola e se lei continuerà a scoparmi pazienza. Io continuerò a farci l’amore. Con la mia vita che seduce.

Non so quante altre notti come quella ci saranno, quante altre storie senza uno straccio di lieto fine, davvero non lo so. L’unica cosa che posso fare è continuare a cercare un accordo in La minore in attesa di vedere l’alba che nasce ad oriente.

“La vita è fatta di rarissimi momenti di grande intensità e di innumerevoli intervalli. La maggior parte degli uomini, però, non conoscendo i momenti magici, finisce col vivere solo gli intervalli” (Nietzsche)

Accompagnato da questa.

Annunci

26 pensieri su “Cercando un accordo in La minore.

  1. Succede che, a volte, si scambi un’alba per un tramonto.
    Ma la notte è buia solo prima dell’alba.

    Buona giornata Pinocchio e un bacio a Geppetto (la prossima volta però invitate pure la Fata Turchina!) 😉

  2. Molto bello. Il problema è che nel cercare accordi, a volte non si trova la nota giusta che ci fa andare avanti o forse si va avanti solo sognando anche il mare, alle tre di notte..
    Un abbraccio Pinocchio!

  3. “Con un accordo in La minore che è la nota della malinconia”…sarà che questo è un pezzo di un testo di canzone molto importante per me, di quelli che hanno segnato la tua vita come la puntina di un giradischi segue il solco del vinile…e…leggo una storia che è mille storie vissute da chissà quanti di noi e mi perdo in un labirinto di ricordi, pensieri e sospiri, mi lascio svegliare “un tempo” di vita e la confondo con un tuo scritto, forse lo nascondo sotto le parole, la punteggiatura e persino le pause che hai fatto per pensare alla frase successiva. Oggi è così…in La minore… anche per me.
    ps. assieme alla fata turchina invitate pure Cleo, la pesciolina (io)…ehm…meglio che cambio personaggio della fiaba visto cosa ho visto nei vostri piatti 😀 non si sa mai! 😀

    • Ti confesso che di pause fra una frase e l’altra ce ne sono state, e anche tante ed ero sicuro che tu le avresti notate. Un abbraccio.

      P.s. Come vedi è solo una frittura di calamari, siamo brave persone, le pescioline le lasciamo nuotare tranquille. Comunque la volta prossima faremo un raduno di fate turchine, perciò inizia ad esercitarti con gli incantesimi.
      Un abbraccio.

  4. Sarà perchè ho vissuto anch’io un incontro indiretto e lei…ha tirato dritto.. Sarà perchè in certe notti, certi silenzi o certe melodie sono venute a tener svegli i miei sogni… Sarà perchè tu scrivi col cuore prima ancora che con la mente ( e, visto il tipo di mente, la cosa non è da poco…)..sarà per questo o molto altro, ma sono davvero felice di aver incrociato il tuo “cammino di carta” senza…aver tirato dritto. Grazie anche a Erre…involontario messaggero.
    P.s.: io, da incontri avvenuti con amici di penna, ho scoperto e trovato…amici per vita.
    Sono certa che anche per te e Erre, sarà così.

  5. La vita è un susseguirsi di accordi, a volte risultano perfetti, a volte stonati…possiamo decidere se nigliorarli, perderli, non cercarli più, l’importante è vivereli quegli accordi. Gli intervalli ci vogliono ma vanno gestiti bene.
    La musica aiuta la vita.

  6. Scelgo. Io di solito scelgo di vivere e di farmi male. L’inquietudine che ho dentro mi accompagna (il mio mostro, come si è detto altrove), ma preferisco ascoltarla, a volte vince lei e mi tramortisce, a volte vinco io e si quieta fino alla prossima notte difficile.
    Partire non è mai una soluzione, tanto non ci scrolliamo mai niente di dosso … ma c’è sempre la voglia di farlo. E in effetti è troppo che non parto …
    E’ tutto un compromesso alla fine, basta trovare – ogni volta – il proprio equilibrio.
    Siamo fatti della stessa stoffa di cui sono fatti i sogni e continueremo a lasciare che questa vita ci seduca mentre l’amiamo … alle 3 del mattino, respirando il mare.
    Un abbraccio.

    • Secondo me la parte più affascinante (e difficile) è combattere quotidianamente per mantenere il nostro equilibrio, per guardare “il mostro” con aria di sfide dicendogli “io ci sono, fatti sotto”.
      Un abbraccio a te.

  7. In un posto come Facebook, che sembra ormai non abbia più nulla da dire che nn sia scontato, è sempre una piacevole sorpresa trovare qualcuno che dice nulla di scontato… Complimenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...